A pochi giorni dal rientro a scuola ci sembra opportuno fare il punto della situazione sulle polizze scolastiche per il rischio Covid19.

Secondo un recente articolo del Sole24ore, sono più di 400 le scuole già colpite dall’infezione di queste 75 sono state chiuse.
I casi positivi nel 76% dei casi sono studenti, nel restante 24% è personale scolastico.

La domanda che molti Istituti si stanno ponendo in questi giorni è: conviene sotto scrivere polizze assicurative per il rischio Covid? Sono realmente efficaci e cosa coprono?

In questo clima di incertezza dobbiamo evidenziare come alcuni consulenti operanti nel settore scolastico affermano che il rischio Covid non sia assicurabile.

La dichiarazione non trova riscontro nella realtà, oggi infatti la maggior parte degli operatori specializzati in ambito scolastico ha approntato e propone specifiche coperture o integrazioni alla polizze già in essere oppure propone polizze peculiari. Nell’ultimo periodo, inoltre si aggiunti nuovi operatori con polizze specifiche.
Fare un riassunto di tutte le coperture assicurative disponibili diventa oltremodo complicato e certamente non esaustivo.

Le polizze Covid19 nella scuola il punto della situazione

Possiamo comunque a grandi linee affermare che le garanzie attualmente disponibili sono esclusivamente di carattere indennitario (diaria giornaliera per ricovero e convalescenza).
A questo primo genere di copertura, alcuni operatori, affiancano garanzie di assistenza, riconfermando a grandi linee quanto avevamo già espresso nel nostro articolo dello scorso giugno.

Una novità appare comunque evidente, una parte degli operatori, in modo molto prudente, “limita” la copertura solo nel caso l’infezione venga formalmente riconosciuta come contratta in ambito scolastico.
Altri invece riconoscono la copertura alla diagnosi, senza entrare nel merito se l’infezione sia avvenuta all’interno dell’attività scolastica o in altro luogo.
Appare evidente come in questo secondo caso gli importi delle diarie e le prestazioni di assistenza vengono ridotte anche sensibilmente.
Gli Istituti quindi che stanno prendendo in considerazione questo tipo di copertura è bene che valutino con estrema attenzione quest’aspetto al fine di non generare errate aspettative nelle famiglie degli alunni o nel personale.

Un ultimo aspetto è legato al premio da erogare.
Alcuni operatori propongono un premio unico, altri un premio differenziato in relazione agli importi delle diarie o dei servizi di assistenza, alcuni un premio unico sia per studenti che il personale, altri un premio diversificato. Inutile dire che anche in questo caso l’intervento del broker diventa quantomai opportuno al fine di vagliare la soluzione che meglio si adatta alle specifiche necessità.

A nostro parere è comunque necessario evidenziare che le coperture non assumono carattere di obbligatorietà ma sono demandate esclusivamente alla sensibilità espressa nei confronti del problema.

Compila il modulo con i tuoi dati e le tue domande. Ti ricontatteremo al più presto.


    (Potrai cancellarli o chiederne una copia facendo esplicita richiesta a info@abint.it) (richiesto)